Altre pagine

28 dicembre 2012

Appunti banali di diario #3. Propositi per il 2013: parola d'ordine: Deutschland

Mi hanno regalato delle M&M's. Io non resisto alle M&M's e ne ho mangiate troppe. La cioccolata non è tra i miei alimenti preferiti e ne ho una bassa tolleranza. Ma le M&M's, non so perché, mi sono irresistibili e non riesco a mai smettere. Saranno i colori, sarà che quando si rompono in bocca fanno quel rumorino che adoro... Sono parecchio stressata. Me ne rendo conto perché ho la fissa per alcuni eventi marginali della mia vita. Delle perdite da un tubo in casa, il frigo da ricomprare e un'altro paio di cavolate che è meglio lasciar perdere. Sono tutti segnali di disagio.
Infatti, quando mi prendono le fisse per le bischerate vuol dire che è arrivato il momento di fermarsi, valutare e cambiare qualche cosa. Allora per "stemperarmi" faccio i propositi per l'anno nuovo. Tutte cose fattibili, tipo riprendere a studiare il tedesco ché son tanti anni che non lo pratico e non lo capisco quasi più.
A dire il vero ho già cominciato, ho scaricato degli mp3 che ascolto per la casa ripetendo le frasi. Non mi ricordo quasi più nulla di quella lingua che mi piace tanto, son quasi quindici anni che l'ho lasciata perdere. Perciò è l'ora di riprenderla in mano. Poi mi piacerebbe anche andare a fare un giro in Germania, su al Nord, verso Kohln, Essen, quella parte lì, insomma. Magari con l'occasione andare anche verso est e ritornare a Berlino perché l'unica volta che c'ho messo piede ero un'adolescente scalcagnata e c'era ancora il muro, nonché la DDR, la Stasi e Wir Kinder vom Bahnhof Zoo era un cult (per me lo è ancora).

23 dicembre 2012

Appunti banali di diario #2


Un tempo il blog mi serviva anche come diario. Diario nel senso di agenda di appunti. Ci scrivevo le cose, magari non direttamente, per ricordarmi date ed eventi. È sorprendente quanto tendiamo a dimenticare l'ordine cronologico delle cose che ci riguardano.
Bene, oggi con questo post prendo nota di una data. Ho fatto una cosa, che non racconto, ma sono contenta. Un passo avanti in questa esistenza tentennante. Il coraggio di mettersi in gioco, bello concludere l'anno così.

22 dicembre 2012

Maremmamaya e le altre apocalissi



A quanto pare non è successo nulla. Adesso ci sarebbe da andare da Giacobbo a farsi restituire i soldi, anche se io il suo libro non l'ho né comprato né letto e allora è inutile che stia a far polemica. Il mio primo pensiero è andato al bunker anti-Apocalisse Maya che Ron Hubbard si è fatto costruire in casa sua. Una delusione quando l'ho visto: si tratta proprio di un tubo di una ventina di metri arredato come un bungalow. Che tristezza. Mi sarei aspettata qualcosa di più da un multimiliardario come lui, un rifugio degno. Ron  ha creato psicoterapie alternative, religioni, intortato nelle sue faccende un sacco di stelle di Hollywood che gli hanno dato un sacco di soldi (adesso mi viene in mente solo Tom Cruise, ma ce ne sono un sacco). Insomma, questo ha i soldi che gli escono dalle orecchie e si è fatto piazzare un tubo in un buco nella terra con qualche branda, una televisione, qualche decorazione da casa al mare e basta, fine. "Braccini" corti.  Con le sue possibilità economiche e la sua fantasia io mi sarei comprata una grotta nel deserto e l'avrei sistemata in uno stile alla Paolo Soleri. Oppure mi sarei fatta una copia del mio bunker preferito: quello di Lost naturalmente, che era bellissimo, pieno di oggetti retrò e cose utili, dischi in vinile, lavatrice+asciugatrice, armi, dispensa fornitissima e, dulcis in fundo, uno splendido personal computer vintage a schermo nero su cui, volendo, tra un inserimento di una sequenza di 4 8 15 16 23 42 e l'altra, potevi anche fare un po' di esercizi di basic, per reinserirti nel mondo del lavoro post-catastrofe:

10 PRINT "Hello, World!"
20 END

Praticamente il paese dei balocchi per i nerd come me. Adesso nulla, la panzana è evidente e allora si aspetta la prossima catastrofe annunciata. Confido nel 2038 o in Hercolubus che però non ricordo quando dovrebbe distruggerci tutti...
In compenso mi dicono che oggi sia iniziata l'era dell'Acquario. Era ora.

17 dicembre 2012

Appunti banali di diario

Stamani pioveva a dirotto e, potendo, mi sono alzata più tardi del solito. Avevo un bel po' di sonno arretrato da recuperare e poi ieri sera ho passato una serata stancante e depressiva che ha gettato un carico di briscola sulla mia spossatezza cronica. Ci sono persone a cui voglio un mucchio di bene ma che hanno la capacità di deprimermi oltremisura. Senza volerlo, naturalmente. Ma passare tante ore di fronte alle impasse altrui non aiuta e iniziare con slancio il primo giorno del resto della mia vita (ver. anche troppo positiva), oppure l'ultimo giorno dell'ultima settimana prima dell'Apocalisse Maya (ver. catastofista. In Cina c'è chi va in galera con certe affermazioni pubbliche, btw).
Non sto ad entrare nello specifico, non importa, però quando sono rientrata a casa avevo un gran giramento di scatole, trasmesso per osmosi marinata dei soliti discorsi. Come se non bastasse mi sono accorta di non avere più tisane in casa e allora mi sono fatta un tè verde che mi ha tenuta sveglia fino a stamani. Ma forse non è stato il tè verde, ma la mia solita insonnia. Anzi, credo sia più probabile la seconda comunque ho visto la notte piovosa trasformarsi in alba altrettanto piovosa e tutto ciò non ha contribuito al mio umore sempre più provato. Stamani ho fatto colazione con altro tè verde perché mi piace un sacco e me lo berrei di continuo. Ma c'ho 'sto giramento di fondo che non mi dà tregua un attimo.

13 dicembre 2012

No logo

Perché poi una diventa acida. Ci credo. Perché una va a cena da un'amica che non vede da tanto. il marito è a calcetto. Si mangia, si parla, si mette a letto la creatura meravigliosa e stranamente tranquilla che non ha rotto le scatole quasi per nulla. Poi caffè sul divano e arriva "slang" aka il consorte. Slang è venuto fuori da un po' - e non da me, maligni lurker del cavolo che poi mi scrivete in privato perché avete riconosciuto il soggetto- dopo aver letto i suoi status di facebook sgrammaticati cercando di scrivere in vernacolo, arte che solo l'intramontabile Vernacoliere riesce a compiere senza scadere nel patetico. Ora: Slang mi saluta appena, va di là e ritorna subito dopo con un portatile acceso che mi butta in grembo. Non faccio in tempo a chiedere che succede che lui mi dice che gli DEVO fare un favore. Perché ha il suo logo (il suo logo?) che - deve mandarlo a quello che gli stampa i biglietti da visita - non è vettoriale e gli hanno detto che così gli viene fuori uno schifo. Non è un logo. Faccio la finta tonta e gli dico di chiedere al grafico che gliel'ha disegnato perché di norma un logo si fa in vettoriale. Punto nell'orgoglio mi dice che l'ha fatto da solo! Guardo il disegno e sembra uno scaracchio catarroso sull'asfalto. Cerco di tagliar corto e continuare la conversazione con la mia amica che distoglie lo sguardo. Anche lei sapeva: collaborazionista! Gli dico di mandarmi il file. Lui mi interrompe, mi dice che me lo manda subito se glielo posso fare domani mattina presto, ché ha fretta lo deve mandare in stampa subitissimo...  Gli dico di mandarmi il file che poi gli faccio il preventivo per il lavoro. Ci vorrà una settimana dico a occhio e croce, senza stare ad ascoltare le sue urgenze. Mi guarda malissimo, piagnucola, cazzo questo piagnucola perché non può avere tutto subito e gratis. Devi morire, penso. Sorrido dico che si è fatto tardi e torno a casa.

12 dicembre 2012

Rettiloidi

Mi contattano quasi tutti i giorni, a quanto pare convinti che abbia l'osso al naso. Eppure è un bel po' che sono in questo settore, lo so chi sono gli attori principali, quelli su cui vale la pena puntare. Ma nulla, temo per motivi lombrosiani sono la vittima prescelta per l'approccio commerciale/aggressivo. Riconosco - cavolo, impegnatevi un goccino di più, per la miseria - dicevo, riconosco le tecniche di vendita e di approccio da manuale. Quelle basilari, naturalmente. Risultato incerto di letture veloci, fatte nelle pause, per padroneggiare meglio le situazioni e ottenere il massimo dall'interlocutore/potenziale cliente. Letture fatte malissimo. Suggerimento gratis: il libretto sulla pnl ostentato nella sala di aspetto denota insicurezza. Non fatevelo vedere, la giovane signora sovrappeso e pacioccona con cui farai l'incontro, in realtà potrebbe essere una vecchia volpe scafatissima, con l'ordine dall'alto di scovare ed eliminare lo stronzo che genera solo costi. Se proprio non ce la fate, usate un lettore ebook per mascherarlo meglio. Una stretta di mano, ci accomodiamo, poi inizi a parlare e mi racconti fatti, cose , cifre, nomi di animale, di fiori e di città campati in aria. Altro suggerimento gratis: se l'interlocutore annuisce senza dire nulla non è perché lo/la state conquistando, ma perché si annoia e vuole tornare a prendere il caffè presto.