Altre pagine

23 marzo 2014

Defenestrare il manigoldo: incontro con la marchesa Daniela del Secco d'Aragona


Ci sono dei momenti in cui penso di aver sbagliato tutto nella vita. Sono attimi brevi per fortuna, che concludo sempre pensando che forse mi ci vorrebbe un mentore per imparare a vivere come si deve. Credo di averlo trovato. Pardon, trovata.
Ennesima partita Fiorentina Juventus, la città si spopola come in Fantozzi. È l'occasione giusta per uscire, Firenze diventa improvvisamente tranquilla e vivibile, il momento propizio per andare a cercare gli eventi più interessanti. E la città non delude (alla faccia di chi dice che Firenze stia morendo): infatti alla libreria IBS di via Cerretani la marchesa Daniela del Secco d'Aragona, diventata famosa per aver partecipato al reality on the road "Pechino Express" in coppia col suo maggiordomo, presenta il suo libro "Come diventare Marchesa ed esserlo in tutte le situazioni della vita". Già il titolo promette bene, dà l'idea della nobiltà acquisita in seconda battuta e furbescamente ci include tutti nel magnifico mondo del sangue blu. Poco importa che nel nostro paese la nobiltà non sia più riconosciuta dal '48, ma in fondo chi se ne frega.

19 marzo 2014

Petites tortues


La voce si avvicina. Esternalizzare, dice. Espandersi verso nuovi mercati, ribadisce. Lo riconosco subito. Adesso però è niente di più di un rappresentante.
Ci salutiamo, è da noi per lavoro, cerca di piazzare una fornitura di non so che cosa, deve parlarne con il geometra che infatti lo sta aspettando.
L'ultima volta che ci siamo visti è stato anni fa, nel parcheggio della ditta in dismissione. Aveva raccontato, lagnoso, che era stato costretto a chiudere tutto, se fosse stato per lui invece... Era nella merda, che non potevo nemmeno immaginare quanto; aveva perso il sonno e la salute. Io sono il più precario di tutti qui dentro, aveva trovato il coraggio di dire. Poi con uno scatto chimico era salito sulla BMW sportiva provvista di ogni optional possibile, ed era sgommato verso le colline.
Invece io avevo caricato il mio sacchetto di effetti personali sullo scooter ed ero andata via dalla parte opposta.
Adesso non ce l'ho con lui, è passato tanto tempo e poi la scrittura mi ha aiutata a razionalizzare e sfanculare. Il blog ha una sua utilità terapeutica, lo dico sempre. E dopo ho incontrato di peggio, ma questa è un'altra storia (già scritta altrove, per l'appunto). Tuttavia non ho dimenticato: so perfettamente chi ho di fronte. In fondo è anche simpatico, a guardarlo bene mi ricorda una tartaruga o una lucertola. Un rettile innocuo, ecco.
Aspetta che il geometra finisca una telefonata, è deferente, ascolta tutti, finge di essere interessato. Il geometra propone un sopralluogo nello scantinato. Lui lo segue, è contento di vedere lo stabile, dice. Ritornano dopo un po', il geometra lo precede veloce, lui parla e propone. No, no, lo stoppa il geometra, si farà così e cosà conclude. È un osso duro il geometra, non lo infinocchi facilmente, mi piace.
Mi saluta con affetto improvviso, è stato contento di vedermi. Non so perché ma gli credo. Esce sorridendo. Ci rimettiamo a lavorare in silenzio.
"Cazzo, il tuo amico mi ha fregato la penna" esclama il geometra dopo un po'.
"Sei fortunato che ti abbia fregato solo quella" rispondo.
Tutti ridono.
Caffè.

07 marzo 2014

Il boss degli psicopatici

Alto, leggermente gobbo, capelli grigi, prossimo alla vecchiaia. Nel complesso floscio. È teso, parla velocemente, butta gli occhi al cielo, sbuffa in silenzio, dice sì sì senza aver ascoltato. Risponde con sufficienza al saluto, mentre mi accomodo in attesa del mio turno. Lui va alla scrivania, parla al telefono, ancora sbuffi esagerati e sguardi al cielo. Ci conosciamo da tanti anni anche se non siamo mai stati amici. Cerca di chiudere la telefonata, ma non è cosa facile. Sento all'altro capo un vocione che grida ma io, ma io. Lui sbuffa silenzioso, spara qualche supercazzola, si arrampica sugli specchi ma alla fine capitola sotto quella cascata di ma io, ma io. Promette che si prenderà cura di una certa cosa. Sì, sì, immediatamente.
Il telefono squilla ancora. Puoi entrare, dice. Mi accomodo nella stanza del boss: mi scusi dottoressa, a quanto pare succedono tutte ora, dice il grande capo mettendo giù la cornetta. Ok dottore, faccia con calma, dico io pescando il cellulare dalla borsa. #faiunadomandaalpapa, l'hashtag del momento. Possibile? Lo era anche l'ultima volta che ho controllato, un paio di giorni fa. Boh, noi italiani siamo statici anche sugli argomenti di discussione. Non ho niente da chiedere al Papa. A quanto pare però tutti gli utenti di twitter a cui sono collegata sì. Leggo domande e considerazioni deliranti, il tempo passa. Alzo gli occhi e lui è lì, accanto al boss, che mi guarda storto da dietro le lenti spesse. Ma quando è entrato? Non me ne sono accorta. Gli sorrido, in fondo che mi frega? Lui risponde con un sorrisetto tirato. Ok, non me ne frega, ma mi viene lo stesso voglia di spaccargli la faccia. Questa persona è insopportabile, chiami lei dottore, dice lagnoso. Il boss lo guarda spaesato. Mi scusi dottoressa, le chiedo un'altra po' di pazienza. Si figuri, ma le pare, guardi vado qui fuori, vi lascio in pace. Al telefono il boss è in difficoltà, sento chiaramente i ma io, ma io fin dal corridoio. Non capisco il problema.
Lui esce inacidito all'ennesima potenza, lo sguardo furioso, la camminata isterica a chiappe strette. Incrocia una collega e le dice col tono più acido dell'universo: vedi di rispondere al telefono, stamani le ho prese tutte io. La collega non gli dà spago, dice sì sì e passa oltre. Lui nota che l'osservo. Sì ti osservo, ti giudico e scriverò un post su di te, non gli dico. Rientro dal boss, lui mi segue passando davanti per dirgli che la collega tal dei tali non risponde al telefono come dovrebbe. Il boss gli dà ragione e dice che non vuole riparlare mai più col tizio dei ma io, ma io. Allora dottoressa, come va? Bene, e lei? All'uscita mi affaccio a salutare l'ufficio. Mi attardo un minuto sulla porta a fare mente locale, lo faccio sempre. Ho preso tutto? Ho dimenticato qualcosa? Lui è sempre più nervoso, alza gli occhi dalla scrivania e scatta: allora? Cos'hai dimenticato? No, nulla. Controllavo e basta, mi pare di no. L'altra collega, nota nell'ambiente come psicopatica bipolare, mi sorride con comprensione. Rispondo al sorriso. Allora arrivederci, dice lui. Ciao a tutti.
A pranzo racconto la mattinata. Sono stata... ho fatto... Tutto ok? Sì, tutto ok, solo c'era il ragioniere... sì proprio lui, l'ho visto malissimo. Invecchiato e teso. Isterico all'ennesima potenza. Pure incafonito, ha fatto una partaccia a una collega con me lì di fronte.
Lo so, lo so, è colpa della russa.
La russa?
Sì la tizia con cui sta.
Gli sta puppando i soldi?
No, tutt'altro. Gli ha dato l'ultimatum.
Che ultimatum?
A cinquantasette anni basta vivere con la mamma, la russa non ne può più di fare la fidanzatina. E lui è andato in crisi.
Come fai a saperlo?
Me l'ha detto il boss al telefono. Si lamentava di avere tutto personale psicopatico, dice che a volte ha quasi paura a stare in studio...

05 marzo 2014

Rigurgiti di memoria


Il riciclo, ma porca miseria: il riciclo!
Cosa? Il ciclo?
Il ri-ci-clo! Non hai separato un cazzo.
Sì, ho separato. Il vetro, la plastica, l'indifferenziato, vedi?