Altre pagine

09 febbraio 2016

Social Media Manager a colloquio: la fissa del blog



Quando sono entrata nella sala riunioni non mi ha salutata.
Mi ha guardata di straforo, ho sentito il suo sguardo addosso.
Poi gli hanno spiegato che sono io la responsabile del progetto.
Adesso è tutto sorrisi.
Però al momento delle presentazioni non mi ha guardata negli occhi e mi ha offerto una mano molliccia e fredda.
Ho stretto la gelida manina senza nascondere una smorfia di disgusto. 
È il terzo che incontriamo.

07 febbraio 2016

Intime distorsioni prima del caffè



Se penso alla mia vita in modo astratto, senza realmente pensare a nulla in particolare, ho sempre la fastidiosa sensazione di aver sempre speso malissimo il mio tempo.

Un po' come lo Zeno Cosini dei frammenti sparsi post "Coscienza di Zeno" che, messo di fronte al classico dilemma faustiano, schifa sdegnato la possibilità dell'eterna giovinezza, perché preferirebbe di gran lunga barattarla con «qualcosa di molto nuovo, qualcosa che mai conobbi, perché non vi sono giorni che vorrei rifare ora che so dove mi condussero*».

Ecco, proprio così.

La sensazione orrenda di un'intera esistenza sprecata in perdite di tempo.

Anche adesso, specialmente adesso, in questo grigio post pranzo domenicale, con la digestione in partenza e il caffè sul fuoco.

01 febbraio 2016

Il potere del sì per dire no: come trattare con gli scrocconi


Una volta un'amica mi ha detto che per vivere meglio avrei dovuto diventare "inaffidabile".

«Con certa gente puoi fare solo una cosa: diventa inaffidabile.»

Disse proprio così. "Certa gente" erano gli scrocconi, gli sfruttatori, i braccini corti con cui a tutti noi capita di aver a che fare.