Altre pagine

31 luglio 2016

Gli amici del babbo

Da http://www.bdtorino.net/files/arsenico1_157470519.jpg

Telefonata alle 9:30 del mattino.

- Ciao, lo so che non sei ancora in ferie, me l'ha detto il babbo
- Ciao, no sono ancora a Firenze, ma per poco, te come st
- Senti ti chiamo per una cosa importante
- Che succede, tutto a pos
- Importantissima, guarda. Sarò breve. Uno spettacolo. Teatro. Lo sai che mi diletto col TEATRO
- Lo so, so che sei bravo
- Sì sì, ma ho bisogno di un favore urgente, per questo ti chiamo
- Se posso
- Guarda non te lo chiederei, ma il babbo mi ha detto che potevo chiedertelo senza problemi
- Ma davvero?
- Quanto tempo è che non lo senti?
- Chi? Mio padre? Mezz'ora, direi.
- Ah, vabbè. Insomma, le cose stanno così. Facciamo questo spettacolo. Una cosa impegnativa. Testi di Antani Supercazzola
- Mai sentito, mi sp
- Non importa, è un autore del mio gruppo teatrale. Bravissimo. Ha lavorato con Pangallo. ecco, facciamo questa piece, un atto unico. È importante portare gente perché è un evento Culturale & Beneficenza. Stiamo cercando di dargli più risalto possibile, capisci? La comunicazione è importante in questi casi, vitale, lo sai meglio di me che sono un vecchietto, ah ah ah
- Ah ah, veramente non sto capendo
- Ecco, allora uno spettacolo con un lungo monologo sulla condizione umana di oggi, tutti alienati a giocare a pokemongo, specialmente voi giovani
- Veramente io ho quarant
- State sempre con codesto telefonino in mano e vi perdete le cose importanti della vita
- Ok, certo. Senti dimmi come posso aiutarti
- Dopo lo spettacolo ci sarà anche un pasta party
- Un che?
- Sì, un pasta party
- Ok
-I nsomma una serata importantissima, abbiamo noleggiato lo Spazio Tal dei Tali, ho dovuto anticipare la caparra di tasca mia
- Tanto hai una pensione sostanziosa
- Mica tanto, al giorno d'oggi... Vabbè. Comunque, ti voglio chiedere un favore, molto importante
- Se posso
- Vedrai di sì, non è nulla per te, ci metti un secondo
- Allora dimmi
- L'evento Facebook della serata, puoi condividerlo?
- Guarda il mio profilo non lo uso mai, non mi segue nessuno, ma se vuoi non c'è problema
- No, non il tuo profilo. Di quello non m'importa. Dicevo la pagina Facebook YXZ [Azienda per cui lavoro], ha svariate decine di migliaia di like
- Stai scherzando, vero?
- Il babbo mi ha detto che era fattibile
- Guarda a parte il fatto che mio padre non ci capisce niente di queste cose e manco gli interessano, ma poi non sono autorizzata a postare cose personali sulla pagina aziendale, ci mancherebbe. Ne va del mio posto di lavoro, credo tu te ne renda conto
- Aspetta un attimo, fammi capire: mi stai dicendo che non condividi l'evento Teatro & Pizza Party? Guarda solo una volta, eh? Mica ti chiedo di postarlo tutti i giorni. Basta solo domani in tarda mattinata, magari anche domani l'altro, anzi, meglio mercoledì mattina
- No, scusa. Non posso
- Il babbo mi ha detto che potevo contare su di te, però. Ne rimarrà deluso
- Ma stai scherzando? Non è la mia pagina
- Senti, mi faresti proprio un favore, il babbo mi ha detto che non ci sarebbero stati problemi. Ho anticipato dei soldi e poi è per beneficenza
- Beneficenza di che cosa, scusa?
- Per finanziare il nostro gruppo teatrale, facciamo iniziative culturali per dare una ventata di impegno a questa città addormentata con la gente imbambolata che gioca a pokemon go, specialmente voi giovani
- Ho capito, ora devo andare però
- Almeno pensaci, dai. Ora chiamo il babbo
- Aspetta almento cinque minuti prima di chiamarlo perché adesso lo chiamo io

Click.