23 marzo 2014

Defenestrare il manigoldo: incontro con la marchesa Daniela del Secco d'Aragona


Ci sono dei momenti in cui penso di aver sbagliato tutto nella vita. Sono attimi brevi per fortuna, che concludo sempre pensando che forse mi ci vorrebbe un mentore per imparare a vivere come si deve. Credo di averlo trovato. Pardon, trovata.
Ennesima partita Fiorentina Juventus, la città si spopola come in Fantozzi. È l'occasione giusta per uscire, Firenze diventa improvvisamente tranquilla e vivibile, il momento propizio per andare a cercare gli eventi più interessanti. E la città non delude (alla faccia di chi dice che Firenze stia morendo): infatti alla libreria IBS di via Cerretani la marchesa Daniela del Secco d'Aragona, diventata famosa per aver partecipato al reality on the road "Pechino Express" in coppia col suo maggiordomo, presenta il suo libro "Come diventare Marchesa ed esserlo in tutte le situazioni della vita". Già il titolo promette bene, dà l'idea della nobiltà acquisita in seconda battuta e furbescamente ci include tutti nel magnifico mondo del sangue blu. Poco importa che nel nostro paese la nobiltà non sia più riconosciuta dal '48, ma in fondo chi se ne frega.

La sala della libreria è piuttosto affollata, davanti a tutti quanti c'è la marchesa, seduta in mezzo a due tizi. Quello più azzimato che la introduce, ci spiega di essere un esperto in alberi genealogici, attività con cui campa, anche se non ci vuole annoiare con tediose spiegazioni su casati e discendenze blasonate. L'altro, più giovane, tiene in grembo un volume pieno di segnalibri: l'opera della marchesa, postillatissima. Il libro strabuzza di post it colorati, sembra uno dei miei diari di quando andavo a scuola. Capisco che spera di leggerci qualche brano a sua scelta, evidentemente si è preparato con cura. La marchesa, con elegante crudeltà ce lo presenta come avvocato che abita in un condominio. Sembra stupita che ci sia gente così al mondo. Gente che abita in un condominio qualsiasi. Addirittura, i condomini dell'avvocato, sapendo che averebbe partecipato alla presentazione con lei in carne ed ossa, hanno preparato delle domande da rivolgerle. Lei è felice, è democratica e dalla parte del popolo, una marchesa che lavora sodo. Tuttavia esprime un leggero disappunto perché spesso noi "persone normali" [aka bifolchi] non sappiamo che "marchese" occupa una posizione più in alto di "conte" nella scala nobiliare. Infatti io non lo sapevo, adesso lo so e ho anche imparato che i baroni sono piuttosto sfigati in questo gioco. La marchesa è l'ottavo re di Roma, come ha dichiarato Bruno Vespa durante una serata salottiera, definizione di cui a dire il vero si fregiano in molti, ma che a lei calza a pennello. Comincio a divertirmi. 
Viene presentato il libro, c'è lei in copertina a figura intera con un abito lungo. Mi pare una foto un po' datata, il vestito è un po' demodé, ma poi penso che io di moda e di ricevimenti non ci capisco un cavolo e sospendo il giudizio (poi ho scoperto che tanto torto non lo avevo e che non sono l'unica a pensarlo: il vestito è proprio vecchio). Comunque si tratta di un abito "a sirena", ci spiega, chiamandoci "adorati". Dal pubblico arrivano domande su moda e vestiti. Gli accessori sono fondamentali, "adorati", ci illumina la marchesa.


Io e la mia amica rimaniamo conquistate dalla fauna presente, personaggi pittoreschi dal look elaborato: un concentrato di doppi cognomi e mise costose, ma che a ben guardare, emanano decisamente un'aura frollata. Tuttavia la marchesa spicca anche sulla massa dei suoi simili, ha una vitalità sorniona che eclissa tutti gli altri messi insieme. 
Inizia l'anedottica, si parla delle sue feste iper-mondane, specialmente di una nel feudo, a cui tutto il popolo ha partecipato. Perché la marchesa non si stanca di ripetere quanto sia democratica e in quell'occasione ha invitato tutti, ma proprio tutti, compresa la tabaccaia e il cassiere della Despar, dove lei personalmente fa la spesa e anche la raccolta punti. "Amo il popolo, basta che non mi taglino la testa". Applausi e ammirazione sconfinata dalla platea. 
Ci racconta della figlia che sta per sposarsi, è felice, il futuro genero è come un figlio per lei. La marchesa si è sposata per ben tre volte, tutte cerimonie sobrie: al primo matrimonio erano cinquanta invitati, al secondo dodici e al terzo tre.
Il discorso ritorna sulla moda, la marchesa è un personaggio troppo ghiotto per non chiederle consigli sul look. Ascolto incantata. Perché un capo di Prada può essere facilmente confuso con uno di Zara e allora approfittatene "adorate"; è inutile spendere tanti soldi quando si può essere eleganti spendendo meno. Mica come le sue domestiche che facevano i debiti per comprarsi vestiti firmati. E poi il vestito è l'ultima cosa, un tubino nero va benissimo, l'importante sono gli accessori. Perché la marchesa è una donna pragmatica nonché democratica, non gliene frega nulla di giocare a burraco nei palazzi (cit. Fellini e Sorrentino in un colpo solo, tanto per gradire). No, lei vuole uscire, parlare con la gente. È una che si immerge nella vita, va in metropolitana da sola, mica bruscolini. Quando va in metropolitana a Roma, si sente come papa Francesco nei suoi bagni di folla ma pieni di umiltà. Tutti la riconoscono ed esclamano: la marchesa di Uno Mattina! La marchesa di Pechino Express! Si è divertita tantissimo. Ci racconta che durante il reality in Oriente, ha preso a ombrellate la guardia del Re a Zon deng (nome inventato, ho dimenticato l'originale). Lancia stilettate ai compagni di viaggio, specialmente al maggiordomo Gregory. Le do ragione col pensiero: infatti guardando il programma, anche a me era sembrato un tipo viscidino. Racconta di quando è caduta nell'acqua della Baia vietnamita di Ha Long, ma è riemersa assolutamente perfetta, con un filo di perle australiane al collo ancora intatto.


Il discorso vira inevitabilmente su "La Grande Bellezza", in cui la marchesa si sarebbe vista bene con una parte da co-protagonista accanto a Servillo. "Quel Gep", come lo chiama lei. Comunque le feste del film non sono le feste a cui va di solito. Certo, non nega che ci siano, ma per lei quelle sono il genere di feste da parvenu, gente arricchita. Lei non ha mai visto spogliarelli, cose strane, sostanze strane. 


Ci ha congedati con una perla di saggezza che trascrivo a futura memoria: La vita non è una passeggiata. La vita è una lotta, va presa col sorriso ed ogni giorno deve essere quel giorno che abbiamo atteso per tutta la vita. Solo così saremo vincenti sempre. 
Grazie marchesa.

PS. Dedico questo post alla mia amica L. che ha avuto l'idea geniale di andare a vedere la marchesa di Pechino Express dal vivo.

2 commenti:

  1. ho a che fare con nobili di vario tipo per lavoro, e confermo: son tutti così! è che non lo fanno apposta, ce l'hanno proprio nel dna....

    RispondiElimina
  2. Maremma , io mi sono divertita un casino...

    RispondiElimina

Ciao, lascia un commento, se ti va!

Appunto dal passato

Dentro a un libro preso a caso dallo scaffale, ho ritrovato un appunto risalente a otto, forse nove anni fa che mi ha fatta sorridere. ...