La Sam


Samantha si dà un'ultima occhiata allo specchio. Ha indossato il vestito mini, quello con lo spacco giropassera e gli inserti in oro. Ai piedi sandali alla schiava con tacchi altissimi. Anche quelli dorati. Avvicina la faccia allo specchio fa una smorfia lenta: niente residui di rossetto sui denti. Poi controlla i tatuaggi. La luna sulla spalla, il cuore col nome della figlia sulla tetta, il tribale maori intorno al bicipite. Tutto a posto. Guarda l'orologio per l'ennesima volta, gli ospiti stanno per arrivare.

Si sente bene, si è fatta un culo così nei preparativi, ma ha pensato a tutto. Questa è la prima di una lunga serie di serate. Ha avuto questa idea, fare un paio di volte al mese, delle cene culturali a casa sua. E stasera è quella più importante, pensa guardando il sacco di plastica di Gucci pieno di libretti color ocra.
Sua figlia di otto anni è stata istruita a rimanere nella sua stanza il più a lungo possibile, di essere educata e simpatica, di non dare alcun problema. In cambio riceverà una Playstation alla fine del mese. Samantha ci tiene troppo a questa serata. E poi ci sarà anche lui, Matteo. È un commercialista di grido, segue diversi calciatori della Fiorentina Calcio, ha lo studio sui viali, dalle finestre si vedono le colline. La Sam sospira, non è mai andata in quello studio però ne immagina ogni dettaglio. Ha una cotta per Matteo: è bello, va in palestra, laureato, con un lavoro di prestigio.
Peccato solo che stasera ci sarà anche il ragioniere che la tampina e la corteggia, nonostante sia praticamente fidanzato. Ma non poteva non invitarlo: è stato lui a scoprire il suo talento, a incoraggiarla a fare il grande passo.
Samantha guarda i suoi libretti.
Si saprà gestire il ragioniere, e poi dovrebbe venire con la sua amica grassa e di solito passano tutto il tempo a chiacchierare fitti fitti. 
Gli ospiti cominciano ad arrivare a poco a poco.
La casa si popola alla spicciolata. È un tripudio di vestiti leopardati e griffe di ogni genere. Samantha intrattiene tutti: è la sua serata, niente deve andare storto. Con la mano accarezza il sacchetto di Gucci.
- Comprato qualcosa di nuovo? - Le chiede Susanna, igienista dentale e maratoneta, osservando curiosa il sacchetto.
- Segreto: ma dopo vi faccio la sorpresa - risponde la Sam cercando di fare la misteriosa.
- Ok - dice Susanna, senza chiedere altro ed esce in terrazza.
"Schifosa tabagista" pensa Samantha, delusa che non le abbia domandato di più.
Ogni volta che entra qualcuno spera che sia Matteo.
Alla fine eccolo!
È elegantissimo: camicia bianca, pantalone navy, mocassini senza calze. Lei si avvicina per salutare. Nel frattempo arriva il ragioniere e la sua amica strana. Lei ha due bottiglie di bianco sotto al braccio che va a sistemare in frigo. Non si ricorda come si chiama, ma in fondo non gliene frega niente. La irrita, sembra sempre conoscere tutti.
Si avvicina a Matteo e gli sorride. Ma lui la molla con una scusa, ma come osa? Dove va? Lo segue con lo sguardo mentre si fionda a chiacchierare col ragioniere e la sua strana amica grassa. Li odia entrambi. Si avvicina, che avranno da parlare? Come fanno a conoscersi tutti? Parlano di una casa editrice che naviga in cattive acque. Samantha non è interessata. Matteo invece è presissimo dalla conversazione.
Il ragioniere e la sua strana amica grassa tengono banco.
Samantha lo odia, ma se lo deve tenere buono. Almeno in questa fase. In fondo è stato lui a farle fare il primo passo. Da sola non si sarebbe mai decisa, aveva bisogno di qualcuno che credesse in lei e nel suo lavoro. Adesso Samantha ha ben chiaro qual è il suo futuro. Grazie a lui, sa DOVE vuole arrivare.
All'improvviso si ricorda che deve mettere a tavola gli ospiti e si sente mancare. Ogni minuto che passa questa cena le sembra sempre più una pessima idea. Poteva fare un dopocena con due stuzzichini e tanto vino. È stata sciocca a dare retta al ragioniere...

[continua]

Commenti

  1. Anche io parte seconda, anche iooo:)

    RispondiElimina
  2. Io chiedo ufficialmente a gran voce un e-book dedicato a Samanta, Ragioniere e sicuramente alla loro "avventura editoriale". (voglio sapere come andrà a finire la storia del recupero delle spese anticipate dal povero ragioniere) ....

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, lascia un commento, se ti va!