Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2012

Una bella giornata, con riserva

Immagine
Mi sono alzata senza fretta, concedendomi la mia colazione preferita: tè verde, pane integrale, marmellata di fragole. Poi mi sono preparata per andare in centro. Ho fatto una lunga passeggiata, è pieno di turisti e di polline da far paura; la bella stagione è iniziata alla grande. Quando ne ho avuto abbastanza del sole e della gente, sono andata a rifugiarmi nell'ufficio di un amico. Mi sono accomodata sul suo divano comodo, ho fatto un po' di conversazione alternandola alla lettura del giornale.
Tempo di metterci al corrente sulle rispettive vite e sono uscita di nuovo andando verso la Feltrinelli di via Cerretani e poi alla Edison in piazza della Repubblica. Ho sfogliato qualche libro per aggiornarmi sulle ultime novità, capire se sia uscito qualche cosa di imperdibile (no, non è uscito niente del genere), finché mi ha raggiunta un'amica per il pranzo.
Abbiamo mangiato un boccone facendo conversazione. Dopo il caffè ci siamo salutate con molta calma. A quel punto sono …

SMS dalla Banca in tempo di crisi

Immagine
Dalla mia filiale mi mandano sms sgrammaticati con tanto di "ke". Succede solo a me oppure è prassi comune? Lo fanno per apparire simpatici o invece sono proprio alla frutta? Percepisco disperazione in questo SMS, quindi i miei soldi non sono al sicuro. Troppa paranoia? Non credo.

E-book gratis di primavera: antologia di stati di Facebook da condividere!

Immagine
Inizia la bella stagione ed è il momento per il mio secondo e-book dal titolo squisitamente didascalico: A nessuno interessa che cosa hai mangiato per pranzo! Cinquanta idee mainstream per i tuoi status. A dire il vero più che l'autrice ne sono la curatrice, perché il contenuto di "cotanta opera" non è farina del mio sacco ma frutto dell'intelligenza allucinata collettiva. Io mi limito soltanto a ricoprire il ruolo di bell'esemplare "quasi-giovane" di salmone femmina che risale la corrente dello Zeitgeist contemporaneo*. Per farla breve, si tratta di una piccola antologia di status precotti di Facebook, raccolti dalla sottoscritta come testimonianza di questi primi mesi del 2012 che, è bene ricordarlo, dovrebbero essere i primi mesi dell'ultimo anno di esistenza del genere umano. Almeno secondo i Maya.
E allora, che cosa vorrei conservare in caso di Apocalisse? Gli status testuali del “fate girare, cazzo” che infestano le nostre bacheche di Faceboo…

Capodanno fiorentino

Immagine
Il 25 marzo ricorre il Capodanno Fiorentino. Dal Medioevo fino al 1749 in questa data iniziava a Firenze il calendario civile. Da una decina d'anni il 25 marzo è ritornato ad essere una festività ufficiale della città, con tanto di celebrazioni del Comune ed eventi vari.
Venne scelto proprio il 25 marzo perché la data coincide con l'Annunciazione, un capodanno ab Incarnatione, cioè dal momento dell’annuncio della maternità dato alla Vergine dall’Arcangelo Gabriele. Una data molto bella, un capodanno all'inizio della primavera e che Firenze abbandonò solo alla metà del Settecento, nonostante il calendario Gregoriano fosse in vigore dalla seconda metà del Cinquecento, come ci ricorda lo storico, intellettuale, bibliotecario Giovanni Lami sulla lapide affissa nella Loggia dei Lanzi:


Il fulcro dei festeggiamenti del capodanno fiorentino è la Basilica della Santissima Annunziata, fondata dai "Serviti", i seguaci dell'Ordine dei Servi di Maria. Era un ordine di me…

iFone

Immagine
Quando avevo il vecchio blog* scrissi un post su Mohammed, vù cumprà del paese e all'epoca grosso distributore di cover per cellulari taroccate. Il tempo passa e il fare impresa dà i suoi frutti: Mohammed ha ingrandito il suo giro e ora vende anche cellulari cinesi, splendide imitazioni dei più blasonati iphone. Da fedele fan di Tommaso Labranca, quando li ho visti sono andata in brodo di giuggiole:
- Santo cielo, Mohammed, sono bellissimi!
- Lo sapevo che ti garbavano. Ti fo un prezzo buono...
- No no, non lo voglio, non mi serve...
- Guardalo bene, lo so che ti garba...
- ...
Adesso abbiamo un nuovo cell. di famiglia. Naturalmente non è nemmeno uno smartphone, è tutto finto. E noi ne siamo molto orgogliosi anche se abbiamo paura a telefonarci perché si surriscalda subito in modo anomalo e allora ci siamo messi in testa che sia cancerogeno. Ma vuoi mettere la soddisfazione estetica?

* Il post non è più online ma fa parte del mio ebook.

Buoni propositi estemporanei

Immagine
Devo imparare a gestirmi il tempo. Invecchiando, ogni giorno mi rendo conto sempre più che il tempo è fondamentale e quello che buttiamo per le bischerate altrui è sprecato e non ce lo restituisce nessuno. Una considerazione banale, forse, ma che almeno io faccio fatica ad accettare fino in fondo. Il risultato è che mi lascio sempre vampirizzare il tempo dagli altri, nonostante conduca un'esistenza piuttosto solitaria*. Ma non è colpa loro (degli altri, intendo), sono io che non sfanculo a sufficienza e la mia pacatezza viene scambiata per diponibilità totale ed empatia. Allora faccio un buon proposito per il futuro, senza che sia l'inizio dell'anno o qualche data topica, che le cose estemporanee son quelle durature: d'ora in poi voglio sfanculare di più. All'atto pratico non ho ben capito come muovermi, ma sono sicura che solo scrivendolo avrò degli input inaspettati. Ottimista dentro. Adesso ho una strana sensazione di déjà vu che non mi so spiegare...

*A propos…

L'oscura ragione: suggerimenti autorevoli di ratio culinaria

Immagine

L'imprenditore farlocco: figure professionali della contemporaneità

Immagine
Disclaimer a quanto pare necessario. Questo post non parla di Giorgio Mendella, ma di un altro imprenditore fiorentino che ho conosciuto personalmente e con cui ho collaborato l'anno scorso. La foto l'ho scelta solo per motivi nostalgici e - ripeto - non fa riferimento al contenuto del post che infatti racconta altre cose (basta leggerlo). 

L'imprenditore farlocco è una razza in espansione, mi dicono i più informati. E in effetti io mi ci imbatto sempre. Non capisco il perché io c'abbia 'sto karma fastidioso. L'imprenditore farlocco lo riconosci perché non ha un'azienda "fisica", né un indirizzo chiaro, ma si appoggia all'ufficio di un suo vecchio amico di infanzia che ha intortato non si sa come, e quello c'è cascato come una pera cotta. «Mal voluto unnè mai troppo,» dicevano gli anziani in campagna. E infatti. L'imprenditore farlocco si installa nell'ufficio dell'imprenditore bischero, senza una riga di contratto perché siamo…

Ah, l'odore della carta...

Immagine
Vuoi mettere il piacere di andare in libreria?

Sfanculare lo sfanculabile e riappropriarsi del blog

Immagine
Questo non è un post, è l'affermazione di un diritto sacrosanto. Lo farò in modo sconnesso perché ho poco tempo, devo andare a far la spesa e poi ho un corso di quelli da anziana che vuole tenersi impegnata riesumando interessi remoti, ma di cui racconterò un'altra volta. Son settimane, infatti, che non riesco a postare nulla, porca miseria. Mi sono resa conto di avere il tempo libero che di solito dedico al blog, precettato dai blog e dalle "e-beghe" altrui. E allora dico basta e sfanculo lo sfanculabile, spippolando questo stream of consciousness distopico, tipico di ogni fine giornata. Non che sia una vittima, sia chiaro, faccio anche i miei porci affari. Per esempio ho barattato la configurazione di un blog personale su piattaforma WP con una lettura estemporanea di tarocchi. Esperienza ganzissima a dire il vero. Io ti metto su il blog e tu mi leggi i tarocchi. Niente male. E poi mi chiedo: ma il blog non era già morto e sepolto? A quanto pare no, me ne accorgo …