Dietro le quinte di Real Time: Tagliando


Francesca De Lena ha gentilmente valutato* sul suo blog, I Libri degli altri, un mio racconto intitolato "Tagliando".
L'ho già fatto in privato, ma la ringrazio pubblicamente di cuore per avermi dedicato il suo tempo. Il racconto intero e la valutazione* si trovano qui.



Tra l'altro la critica che mi ha mosso è puntualissima. In poche parole: con i miei personaggi, io sarei una stronza poco empatica. Verissimo, forse è proprio per questo che mi diverto un sacco a scrivere storie. Comunque l'assenza di empatia, oltre a non far amare il personaggio dal lettore, contribuisce a virare il mio stile verso la cronaca, e questo non va bene**.

"Tagliando" rimarrà più o meno in questo modo e farà parte di una trilogia di prossima pubblicazione, tutta dedicata ai programmi di Real Time. Una sorta di triplice fan fiction esasperata che in questi giorni sto rileggendo e, lavoro permettendo, spero di pubblicare presto. Comunque a questo giro la copertina è già pronta.

Il titolo "Tagliando" è un omaggio (indiretto e obliquo, come piace a me) a "Scimmie di Mare", pezzo splendido e purtroppo misconosciuto, una collaborazione tra Laura Calani e Tommaso Labranca:






Nei prossimi giorni pubblicherò un altro racconto della trilogia qui sul blog, intitolato "Furry days".




* all'inizio avevo erroneamente scritto "recensito" e "recensione", in realtà si tratta di una valutazione. Nel dubbio, ho tolto anche "stroncato" così ci faccio anche una figura migliore! :-)
** [inizio nota autoreferenziale] Tra l'altro è la stessa critica che a suo tempo mi fece Mauro A. Miglieruolo (blog | wiki) quando ha letto la prima stesura de "L'Alba dei Farabutti" (che al tempo non si chiamava nemmeno così). Mi disse che il mio stile era troppo giornalistico per un'opera di fantasia. Aveva perfettamente ragione e c'ho messo un anno a cambiare tutto il romanzo. [fine nota autoreferenziale]

Commenti

  1. Aspetto la nuova opera di arte :-DDD il racconto è spettacolo,ma questo è un altro..... lo leggo quando lo pubblichi... ma sbrigati senno' niente villeggianti in. Cerca di facili letture da sotto ombrellone!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Nn ho firmato,...... il commento..... __M_

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo periodo non ho tempo nemmeno per respirare. Ho le giornate oberate all'inverosimile, non dispongo più dei miei momenti di libertà, quelli in cui mi fermavo in biblioteca per un paio d'ore a scrivere e leggere in santa pace... Aiuto! Comunque cerco lavoro diverso, naturalmente (e rigorosamente) all'aria aperta, che non preveda l'uso del computer. Sono referenziatissima. Anzi, ora ci faccio un tweet, non si sa mai.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Il racconto è forte, mi ha ricordato di brutto "misery non deve morire" anche se, pensandoci, non c'entra niente! viene la voglia di arrivare alla fine, di leggere sino in fondo......cara gatta vai avanti così! :-DDDD
    pssss "scimmie di mare" è sperttacolare!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, lascia un commento, se ti va!

Post popolari in questo blog

Tentativo di truffa porta a porta: Bartolini & co. per conto di Eni

Uomini e Topi di John Steinbeck

Il caso Kakoiannis-Sforza di Francesco Recami