Artigianato e palazzo: la manodopera e la connessione a carico dei blogger




Artigianato e Palazzo, la mostra a Firenze dedicata agli artigiani, per il secondo anno "ammette" i blogger. I motivi sono: rilanciare l'evento (che quest'anno compie vent'anni) in un'ottica al passo coi tempi, valorizzare i giovani, e dare risalto al connubio tra tradizione e multimedialità.

Interessante.

E poi quando ci sono di mezzo i blogger mi fa sempre piacere.



Leggo sul sito artigianatoepalazzo.it:
"...saranno selezionati 10 tra i migliori blogger operanti sui temi dell’artigianato, lifestyle, moda e turismo, che saranno invitati a Firenze dall’Organizzazione e chiamati a raccontare in live blogging la Mostra con tutte le caratteristiche più salienti che la rendono unica nel suo genere, realizzando al termine della manifestazione un racconto sui propri blog dell’esperienza vissuta durante la manifestazione."

Quindi sceglieranno, anzi: a questo punto hanno già scelto, blogger già affermati nei vari ambiti di competenza.

C'è un bando per partecipare all'evento come blogger, che scarico per curiosità, dove leggo (art. 1) che l'ammissione è infatti riservata ai blogger già affermati nei settori:

- Arte
- Artigianato
- Cultura
- Eventi
- Lifestyle
- Moda
- Turismo

Scorro il bando perché sono curiosa di sapere quanto vengano pagati questi 10 spippolatori specializzati.
Sono due giorni di lavoro pieni dentro la mostra, due giorni di "live blogging" che consiste nella produzione a nastro di: post, foto, video, mini interviste, ecc. Il tutto da pubblicare sui propri blog e social network (come riportato sul bando e sulla domanda di partecipazione).

Quindi l'organizzazione ci guadagna post (e link) da dieci blog + social autorevoli nelle varie discipline. Suppongo tutti con un buon rank e un buon seguito di follower vari.

Continuo a leggere e vedo che Artigianato e Palazzo NON fornisce la connessione internet; i blogger dovranno provvedere da soli, a proprie a spese e senza alcun supporto tecnico dall'organizzazione.

E infatti sulla domanda di partecipazione c'è scritto nero su bianco:

"Confermo di poter provvedere ad una connessione Internet tramite i miei mezzi personali all’interno del Giardino Corsini."

Tuttavia - si vede che ci tengono a sottolinearlo - gli organizzatori metteranno a disposizione le prese elettriche per caricare i "devices" (scrivono proprio così) personali. Un bel sollievo, i blogger potranno spippolare tutti gli articoli che vorranno, senza il timore di non poter ricaricare la batteria del laptop.

Dulcis in fundo, ciascun blogger dovrà impegnarsi a scrivere un post di riepilogo

"sull’esperienza personale vissuta durante i giorni passati ad ARTIGIANATO E PALAZZO, che [catturi*] l’essenza e lo spirito della Mostra"

Continuo a scorrere il testo in cerca del compenso, ma non trovo traccia nemmeno di un misero rimborso delle spese di viaggio.

Ai blogger verrà offerto il "lunch" (scrivono proprio così) nei giorni della mostra e il pernottamento, ma quest'ultimo solo a quelli che arrivano da fuori provincia di Firenze. Il resto delle spese della permanenza in città sarà a carico loro.


Ma non finisce qui: gli articoli che scriveranno sui loro blog avranno, a loro volta, l'onore di essere copiati pubblicati sul sito de La Nazione che eleggerà anche il blogger migliore. Al vincitore spetterà  una targa commemorativa.



Ora, io mi chiedo: ma col fior fiore di sponsor che vantano sulla home page, non potevano prevedere qualcosa di meglio?


-------


* anche il bando di partecipazione è scritto "al risparmio", infatti mancano le parole...

Commenti

  1. Sono d'accordo con te, E' ne' piu' ne' meno una richiesta di manodopera gratis e autosufficiente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finché trovano persone che accettano di lavorare gratis, allora è tutto ok.

      Elimina
  2. Oddio, a guardar meglio sembrerebbe essere l'esatto contrario; è un regalo di visibilità agli amichetti del quartierino, in attesa del prossimo corso pagato dalla Provincia da regalargli. Tu fare mio prestanome alle elezioni, io campare te a vita con millemila cosucce random.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, lascia un commento, se ti va!

Post popolari in questo blog

Tentativo di truffa porta a porta: Bartolini & co. per conto di Eni

Il mistero di Google +

Recruiting & Call Center